TESTIMONIANZE

Gioia, 2017

La mia bambina faceva fatica a leggere, l'abbiamo fatta seguire da vari professionisti, ma solo la Dott.ssa Securo è riuscita a capirla e ad insegnarle delle strategie per cui adesso è autonoma nello studio e capisce ciò che legge. Grazie!

               

Enrico, 2015

La Dott.ssa Securo offre grande professionalità e competenza, accompagnate da sensibilità e pazienza.

Martina, 2019

Mi sono rivolta alla dottoressa Nausicaa Securo per un aiuto nello studio e nell'organizzazione di questo, essendomi stata consigliata anche da un mio Professore della scuola che frequento. Nei primi incontri avevo un po' di paura, ma la dottoressa è stata molto disponibile e cordiale da avermi messa subito a mio agio. Mi sono trovata molto bene, in particolare nell'aiuto che mi ha dato nel comprendere le mie difficoltà, ma anche le mie capacità. 

Ginevra, 2018

 

Un metodo di studio che non mi fa più avere paura delle interrogazioni!

Lucia, 2019

La dott.ssa Securo ha aiutato mia figlia a preparare gli esami di terza media e a superare il problema dell’ansia, ora sta aiutando anche mio figlio più piccolo con ottimi risultati. Ci siamo trovati bene noi come genitori, rassicurati e compresi e anche i nostri ragazzi che ora sono più sereni e in grado di studiare senza più la paura di prima. Grazie. 

Contatti

Dott.ssa Nausicaa Securo

Via Ca' dai Pase 41, Cittadella, Padova

  • White LinkedIn Icon
  • White Facebook Icon

Dott.ssa Nausicaa Securo

Metodo di studio

Piano Didattico Personalizzato, Strumenti compensativi e dispensativi.      

Alcuni strumenti compensativi per DISLESSIA, DISGRAFIA, DISORTOGRAFIA,

DISCALCULIA:

Inizia con le mappe!

 

Le mappe sono una risorsa importante per trovare delle motivazioni intrinseche all'apprendimento, perché forniscono il piacere dell' apprendere e dell'imparare, perchè sono personali e nel costruirle già si fissano in memoria i concetti. 

Permettono di visualizzare i concetti, di evidenziarne le relazioni gerarchiche tra essi, ricordare così le informazioni, rendendosi conto di sapere. 

Rendono autonomi nello studio

Rendono semplice il ripasso

Aiutano il recupero delle informazioni durante le verifiche scritte e orali. Il loro utilizzo è un diritto degli studenti con DSA. (D.M 12 luglio 2011 art. 6 e allegate Linee Guida DSA art. 3).

 

 

MAPPE COGNITIVE-DSA

 

• Preferire strutture gerarchiche: argomento principale e organizzazione dal generale al particolare in verticale

 

• Nei nodi scrivere solo parole - chiave

 

• Usare, possibilmente, riferimenti visivi (immagini, colori)

 

• Sulle frecce possono essere usate delle parole-legame o delle domande

 

• Se la mappa ha forma a raggiera, organizzata intorno a una parola o espressione chiave, non deve essere troppo articolata

 

 

 

 

SuperMAPPE - Guida + CD-ROM

 

Permette di costruire:

–mappe per lo studio individuale,

–schemi per fissare i concetti fondamentali di un testo,

–tabelle di semplificazione e adattamento dei contenuti didattici.

 

I nodi della mappa potranno contenere dati di diverso tipo: testo linguistico scritto, immagini,animazioni, filmati, suoni, registrazioni audio di spiegazioni e commenti, link a risorse esterne, trasformando la mappa in una vera e propria risorsa multimediale.

 

Grazie alla sintesi vocale viene facilitata sia la costruzione della mappa che la fase di studio.

 

Grazie alle sue funzioni per LIM e alle sue strutture grafiche di organizzazione della conoscenza (glossario, tabelle di sintesi, sequenze, linee del tempo), è un efficace strumento nella didattica collaborativa e inclusiva di classe.

 

 

I migliori programmi per fare mappe concettuali sono:

  • MindMeister

  • Xmind

  • FreeMind

  • Mindomo

  • Cmap Tools

  •  

Vi consiglio di iniziare utilizzando una risorsa gratuita, basterà googlare e troverete il programma più adatto a voi per fare una mappa concettuale.

 

 

Gli studenti con difficoltà o vero e proprio disturbo specifico di apprendimento (DSA) possono raggiungere i traguardi dei compagni e acquisire le stesse competenze imparando a sviluppare abilità e strategie di studio più funzionali capaci di ridurre le loro difficoltà operative. 

 

Attraverso un percorso strutturato che parte da come imparare ad organizzarsi, ti verrà spiegato:

come prendere appunti;

studiare per ricordare;

creare un piano di ripasso;

affrontare le verifiche e le interrogazioni;

usare gli strumenti compensativi e dispensativi.

 

Imparerai un metodo di studio e di lavoro che non solo ti sarà utile a scuola, ma nella vita!

 

                                                           

 

 

 

E' importantissimo che ad ogni anno scolastico vi sia una revisione del P.D.P. (Piano didattico personalizzato) all’interno del quale sono presenti le strategie metodologiche e didattiche, che ciascun docente e per ogni materia dovrà prevedere e adottare secondo le esigenze di quello specifico studente, gli strumenti di cui può usufruire l’alunno in classe e durante interrogazioni e verifiche, indispensabili anche per le prove INVALSI. Inoltre si avrà il diritto al 30% del tempo in più rispetto ai compagni.

 

Ancor più importante l’aggiornamento del PDP per i ragazzi che dovranno affrontare gli esami del terzo anno di scuola secondaria di primo grado.

Di questi strumenti si potrà far uso durante le prove finali, ma solo se già previsti e utilizzati durante l’anno scolastico. Agli esami il tempo aggiuntivo arriva fino a un massimo di 30 minuti per ciascuna prova.

 

 

 

- computer, in alternativa è possibile usare anche il tablet, più maneggevole e meno ingombrante. Essendo però uno strumento nuovo è importante concordarne con i docenti modalità, funzioni e applicazioni;

 

 

 

 

 

 

- sintesi vocale e non dimenticate l’utilissimo dizionario elettronico anche per le lingue straniere: sarete velocissimi nel cercare il significato dei termini e potrete fare al meglio il brano di comprensione o la lettera della terza prova.

Per la decodifica del materiale delle prove INVALSI è prevista la possibilità di una lettura della prova da parte di un lettore esterno. In questo caso l’alunno potrà svolgere la prova in un ambiente diverso da quello utilizzato dagli altri allievi della classe. Qualora si privilegi l’uso delle prove in formato elettronico o in formato audio (mp3), per l’ascolto individuale in cuffia, l’INVALSI  provvede  ad inviare le prove anche  in questo formato alle scuole che ne hanno fatto richiesta per i loro studenti

 

 

- schemi con regole aritmetiche, formule e figure geometriche

- calcolatrice

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Partecipa al corso che ti interessa:

 

  • Impara ad usare bene gli strumenti compensativi a casa e in classe

  • Libri digitali. Fai pratica con la sintesi vocale per studiare e prendere appunti

  • Come fare le mappe al computer. Usiamole subito!

  • Come affrontare le prove INVALSI per svolgerle al meglio. Usare l’MP3 per ascoltare la lettura del testo